Sacchi, il bel gioco dura tanto

Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo. Perché da anni Sacchi il commentatore, l’ex tecnico, ha assunto una funzione omeopatica, è un’ottima medicina che non cura ma non fa nemmeno danni: ci riporta infatti – sistematicamente e inutilmente – all’essenza del bel gioco, all’utopia per noi italiani senza più campioni – e poco importa se il suo bel gioco resta associabile solo alle stagioni milaniste: innovatore lo è stato senz’altro, qualcosa di grande ha fatto.

Ogni due per tre Arrigo ripete le stesse cose, e noi tutte le volte ci sorprendiamo, qualcuno addirittura si scandalizza. Dopo essere stato infamato per aver detto che i nostri settori giovanili sono pieni di ragazzi di colore (il significato era chiarissimo ma qualcuno si è divertito a farlo passare per razzista) in un’intervista a Vittorio Oreggia di LaPresse Arrigo ha trovato il modo di “ridurre” il lavoro di Allegri insistendo sui concetti di bello e di nuovo. “C’è un drappello di allenatori che sono geni, innovatori” ha spiegato, “latori di un’idea diversa e originale. Sono felice che sia finita una certa dittatura tattica, per cui da noi si giocava sempre e solo in un modo, preoccupandosi prima di non prenderle e poi di agire in contropiede”.

Tre le categorie che ha indicato: i geni, cinque o sei al massimo, gli orecchianti, che sono la maggior parte, e i vecchi italianisti aggrappati alla tattica esasperata. I nuovi fenomeni sono Di Francesco, Spalletti, Sarri, Sousa e Giampaolo, che mettono il gioco al centro di tutto, “perché una vittoria non meritata non è una vittoria”. Conte resta “il primo della lista, un fenomeno, però deve spogliarsi della sua italianità”. E Allegri? Per Sacchi è una via di mezzo: “E’ bravo tatticamente, sa cambiare in corsa, però gli interessa solo vincere”.

“A livello di società” ha concluso “la Juve è avanti a tutti di dieci anni, ma non coniuga i tre verbi come facevamo noi nel grande Milan. Vincere, convincere e divertire. Ne coniuga appena uno, vincere. In Italia può bastare, perché pure il Rosenborg vince sempre lo scudetto in Norvegia, ma in Champions no”.

Ricordando che l’ultima finale di Champions è stata Barcellona-Juve e che i norvegesi l’hanno vista come sempre alla tele (sottolineo tuttavia che non ha paragonato la Juve al Rosenborg: sintesi giornalistica, lui non è scemo), dico che se continua così anche il Grillo Parlante Arrigo di verbi ne coniuga uno soltanto. A voi individuare quale di tre.

About Redazione

Ivan Zazzaroni è stato per anni caporedattore del Corriere dello Sport-Stadio e ha diretto il Guerin sportivo e Autosprint ma il suo nome è legato soprattutto al calcio, come ben sanno i milioni di spettatori della “Domenica Sportiva”e gli appassionati napoletani che lo seguono settimanalmente come conduttore dello spettacolare programma televisivo “Il bello del calcio”.

Leave a Comment

Name*

Email* (never published)

Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.