Italbasket, abbiamo trovato l’America

Il basket non è come il calcio, può e sa essere migliore. Nel basket, ad esempio, mandiamo i nostri ragazzi all’estero, in America, e da qualche anno a questa parte l’America ce li restituisce più maturi, robusti, completi (non sono più i tempi di Rusconi ed Esposito). Nel calcio avviene quasi sempre il contrario.

Pianigiani ha avuto più la fortuna che il merito di poterne mettere insieme tanti, di “americani”. E non a caso con Spagna e Germania la sua nazionale di notevoli individualità ha compiuto imprese indimenticabili, è stata capace di soffrire ed emozionarci uscendo più volte da situazioni che sembravano compromesse.

Seguo da appassionato – non da intenditore – il basket da oltre quarant’anni. Se nasci e cresci a Bologna, o meglio: se vi crescevi negli anni Settanta e Ottanta non potevi fare a meno di andare al Palazzo e tentare poi di ripetere in palestra o nei campi attrezzati nel quartiere gli stessi movimenti di Fultz, Albonico, McMillian, McMillen, Villalta, Serafini, Caglieris, Bonamico e compagnia cantante; lo seguo da appassionato, dicevo, e raramente ho potuto seguire una nazionale così ricca di contenuti e capace di sopravvivere a errori e sbandamenti.

Nella partita con i tedeschi ho trovato straordinaria e “molto da squadra” la capacità che i nostri hanno avuto di alternarsi al timone della barca in difficoltà: ha iniziato Alessandro Gentile nel primo quarto, poi è stata la volta di Bargnani, al quale è subentrato Gallinari, il più continuo; dopo il Gallo Aradori con due canestri-ossigeno e quindi Cinciarini, Cusin, Melli e infine Belinelli e di nuovo Gallinari.

Penso di aver trovato in un articolo di Dorfles l’essenza del gruppo di Pianigiani, ovviamente da adattare: “… i veri vincitori saranno quelli dove il braccio della bilancia dell’egoismo sarà identico a quello dell’altruismo, poiché le due fazioni si saranno strette equilibratamente la mano”.

About Redazione

Ivan Zazzaroni è stato per anni caporedattore del Corriere dello Sport-Stadio e ha diretto il Guerin sportivo e Autosprint ma il suo nome è legato soprattutto al calcio, come ben sanno i milioni di spettatori della “Domenica Sportiva”e gli appassionati napoletani che lo seguono settimanalmente come conduttore dello spettacolare programma televisivo “Il bello del calcio”.

10 Responses to Italbasket, abbiamo trovato l’America

  1. To be honest, I always sticked to you; but you should be rather honest with your fans too, otherwise there won’t be anything left for you guys. You can’t expect people to wait ages after that anouncement. If you really droped it I won’t badmouth you, just don’t lie, so I don’t waste time clicking twice the website a day.

  2. Lionking_fan disse:Esse jogo é difícil, pelo menos pra mim. Além de você ter que prestar atenção no que vem a seguir, você tem que ir rápido se não eles te atacam. Nunca cheguei a parte do Simba adulto, mas continuo tentando (já são uns 12 anos tentando, sério).

  3. Hmm it seems like your blog ate my first comment (it was super long) so I guess I’ll just
    sum it up what I submitted and say, I’m thoroughly enjoying your blog.
    I as well am an aspiring blog writer but I’m still new to the whole thing.
    Do you have any helpful hints for first-time blog writers?

    I’d really appreciate it.

Leave a Comment

Name*

Email* (never published)

Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.