Simeone, nell’intensità

Quella volta, durante un derby di Madrid che vidi al Bernabeu, fui colpito dai cori dei tifosi del Real che per tutta la partita continuarono a urlare cornuto a Simeone, allora centrocampista dell’Atletico – lui il nemico, il simbolo dei colchoneros; sua moglie la protagonista di un antipatico gossip.

Diego lottò e si ribellò come da cinque anni lotta e si ribella la sua squadra. Tuttavia, uscì due volte sconfitto.

Qualche anno dopo lo ritrovai mezzala dell’Inter europea di Simoni e Ronaldo: conosceva alla perfezione le caratteristiche di tutti gli avversari e credo che in più di un’occasione diede qualche dritta all’allenatore.

Simeone è argentino d’Italia, l’intuizione di Anconetani, poi di Moratti e di Lo Monaco che gli fece allenare il Catania; ma per tutti è solo l’Atletico.

Il suo è un calcio che divide ma che porta titoli prestigiosi e garantisce soddisfazioni: è il calcio delle linee difensive perfette, del contropiede sviluppato con rapidità da mezza squadra, delle scelte tecniche radicali nonostante il club continui a giocare con le rate del fisco spagnolo: Godin, Koke, Gabi, Greizmann e Juanfran, ma anche Torres, i suoi riferimenti; Falcao, Aguero, Diego Costa, Mandzukic, Miranda, Courtois, David Villa, Arda Turan, Alderwireld, Heitinga, Pizzi, Demichelis e Jackson Martinez, solo alcuni dei grandi sacrificati – negli anni – al bilancio e al mercato.

Il calcio di Simeone divide perché molti non lo considerano brillante e piacevole, ma è l’unica risposta possibile da parte di chi al potere dei milioni risponde con il cuore, le idee, l’applicazione, il lavoro. L’intensità. Non è calcio all’italiana, ha una sua identità, riconoscibilità: è il calcio del possesso palle.

La finale Real-Atletico a questo punto me la auguro.

Juve, il quinto potere

Pensai – un’estate fa – che sarebbe stato l’anno buono di qualcun altro. Della Roma, ad esempio, nonostante il grande delegittimato dell’estate Rudi Garcia.

Totti, soltanto un’emozione

Ci sono momenti in cui è più opportuno, oltre che bello, godersi un’emozione. Senza spingersi oltre, nel campo della polemica.

Spalletti, partita a carte col torto

Ci sono cose giuste che se dette al momento sbagliato ottengono l’effetto contrario. Ma la “guera e guera”, e questo tra Spalletti e Totti altro non è che lo scontro finale di un conflitto per certi versi epico e che non prevede vincitori, solo vinti: ragione contro sentimento.

 Ecco il calcio che ci è rimasto

Quei calci in faccia hanno colpito tutti, non soltanto il tifoso del Palermo che da terra tentava in qualche modo di proteggersi. Immagini di una violenza di strada cruda, bestiale, inaccettabile, così simili a quelle di fine novembre, Atlètico Madrid-Deportivo la partita-pretesto, un morto, tale Taboada, 42enne ultrà del gruppo Los Suaves. Certo, hanno riportato immediatamente alla mente anche gli […]

Pagina successiva »